Bar Stazione FS  GURNARIMelito Porto Salvo - RC - tel. 0965-789693  fax 0965-788956

 

     ' RRIGGIU CANTA E CUNTA  !!

   Cù manìa non pinìa !

  'ammi tempu chi'tti perciu, 'nci rissi u surici a nuci !

  Cu' llamici e chi parenti non 'ccattari e non vindiri nenti !

   Megghiu a mamma mi ti ciangi chi 'u suli i marzu mi ti tingi !

   iu mi pigghia e fu pigghiatu!

   Cu si rassumigghia si pigghia !!!!!!!!!!!!

   Sì nu maccarruni senza purtusu !

   Simu ancora e peri 'ra 'nchianata !

   Salutamu i megghiu megghiu !

   Varda u sceccu chi bola !

   'A troppa cunfirenza è patruna 'rà mala crianza

   U maru a 'ccu mori; cu campa s' irrancia !

   A ginnaiu friddu e fami !

   I malanni cu 'llanni !

   L'amicu non dici : faci !

   Cu rici a'poi, non fici mai !

   Cu si menti chi figghioli a matina 'mbrisci cacatu !

   Comu mi la paghi ti l'ammollu !

   Chistu e nenti su parenti !

   Putrusinu ogni minestra !

   E bàstasi non ci rari cunfirenza !

   Si ti pigghiu ti fazzu cunigghiu !

   Ropu a cinquantina nu mali ogni matina !

   I ricchi comu vonnu e i poviri comu ponnu !

   Belli e brutti 'a terra si ' nghiutti !

   Non nisciri fora ru seminatu !

   U troppu è trippa !

  U troppu stroppia !

   I parenti sunnu comu i stivali : cchiù sunnu stritti e ' cchiù ti fannu mali ! ( cciuncunu )

  Cu ll' amici patti e chi parenti cuntratti !

   Sgarratu sì, ma lordu pirchì ?

   A facci 'i cu  no ' nboli !

   Jorn 'i poi e misi i mai !

   A 'nora caccila fora !

  Acqua, focu e pani non si neganu mancu e cani !

  Quandu u' cielu è pecurinu l' acqua è certu pù matinu !

   Undi nun'sì chiamatu , non 'gghiri ,chi 'ssì cacciatu !

   Sordi 'mpristati , nimici  'ccattati !

  Hà stari cu 'ddu peri  'nti na scarpa !

  Cu pecuru si faci, u' lupu su mangia !

  'mbozza e 'mbizza !

   Jetta sangu !

  Chissu va circandu u' pilu 'ntallova !

  Modi  di  dire : :

   Tu mangiasti l'oviceddu ?

   Purtau panza e prisenza !

   Malanova m'ai !

   A...mà , quantu pasta calasti ! E menti chi veni 'ncunu?

   Ia 'nto bucceri e cattai quattru ruppa i satizzu !

   E tu aisti u curaggiu mi ti chianti 'nto nozzulu ?

   Catinazzu !!!!!!!!!!!!!!

   non ti zuppari u pani !!!!!!!

   Succiriu u pigghia pigghia !

   Simmi pìgghiunu i cincu minuti a schifìu finisci !!

   I fissa mi si stannu a casa !

   Virendu, facendu !

   Tu ta canti e tu ta soni !

   Non 'ghittari triulu !

   Surici 'i casa !

   Niru cu 'nniru non tingi !

   Faciangiri i pulici !

   Megghiu fissa ca sindacu !

   Focu meu !

   Mi ' cciuncai !

   'i ' cca av ' a passari !

   'cca sugnu !

   Nimali i panza !

   U maru i mia !

   U maricchieddu !

   Panza 'i canigghia !

    Ma a cu cci'u cunti !

  'Settiti 'nto bizolu !

   Undi isti !

  Dialettando :

     Scafuliari ( Rovistare )

    Racina (uva )

    Muccuseddu ( bambino che si atteggia a grande  )

   Mi schiantai ! ( mi sono spaventato )

   ----Cudduraci - frittuli - 'nzuddi - curcuci - custardeddi - 'mbriacheddi -

    luppina  - crispeddi - ciciri - caccioffuli - puma - nannata -------- ( alimenti )

    Un grazie a Pepè Piria e Italo Giusti . 

 

 

WWW.BARGURNARI.COM ,TI RICORDA, con questa poesia di Luigi Mercantini, una delle

 pagine gloriose del Risorgimento ,scritta il 28 Giugno 1857 con l'eroica spedizione di Sapri

ad opera di Carlo Pisacane.

L'insuccesso della missione ha contribuito 

ad unire le forze per rovesciare la situazione politica ed a preparare

l'unità d'Italia. 

 

LA SPIGOLATRICE DI SAPRI

di Luigi MERCANTINI

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!       
Me ne andavo un mattino a spigolare
quando ho visto una barca in mezzo al mare:
era una barca che andava a vapore,
e alzava una bandiera tricolore.
All’isola di Ponza si è fermata,
è stata un poco e poi si è ritornata;
s’è ritornata ed è venuta a terra;
sceser con l’armi, e a noi non fecer guerra.

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!
Sceser con l’armi, e a noi non fecer guerra,
ma s’inchinaron per baciar la terra.
Ad uno ad uno li guardai nel viso:
tutti avevano una lacrima e un sorriso.
Li disser ladri usciti dalle tane:
ma non portaron via nemmeno un pane;
e li sentii mandare un solo grido:
Siam venuti a morir pel nostro lido.

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!                            
Con gli occhi azzurri e coi capelli d’oro
un giovin camminava innanzi a loro.
Mi feci ardita, e, presol per la mano,
gli chiesi: – dove vai, bel capitano? -
Guardommi e mi rispose: – O mia sorella,
vado a morir per la mia patria bella. -
Io mi sentii tremare tutto il core,
né potei dirgli: – V’aiuti ‘l Signore! -

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!
Quel giorno mi scordai di spigolare,
e dietro a loro mi misi ad andare:
due volte si scontraron con li gendarmi,
e l’una e l’altra li spogliar dell’armi.
Ma quando fur della Certosa ai muri,
s’udiron a suonar trombe e tamburi,
e tra ‘l fumo e gli spari e le scintille
piombaron loro addosso più di mille.

Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!
Eran trecento non voller fuggire,
parean tremila e vollero morire;
ma vollero morir col ferro in mano,
e avanti a lor correa sangue il piano;
fun che pugnar vid’io per lor pregai,
ma un tratto venni men, né più guardai;
io non vedeva più fra mezzo a loro
quegli occhi azzurri e quei capelli d’oro.
Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!   

------------------------------------------------------------------------------------------------

A Silvia

Silvia, rimembri ancora
quel tempo della tua vita mortale,
quando beltà splendea
negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,
e tu, lieta e pensosa, il limitare
di gioventù salivi?

Sonavan le quiete
stanze, e le vie dintorno,
al tuo perpetuo canto,
allor che all'opre femminili intenta
sedevi, assai contenta
di quel vago avvenir che in mente avevi.
Era il maggio odoroso: e tu solevi
così menare il giorno.

Io gli studi leggiadri
talor lasciando e le sudate carte,
ove il tempo mio primo
e di me si spendea la miglior parte,
d'in su i veroni del paterno ostello
porgea gli orecchi al suon della tua voce,
ed alla man veloce
che percorrea la faticosa tela.
Mirava il ciel sereno,
le vie dorate e gli orti,
e quinci il mar da lungi, e quindi il monte.
Lingua mortal non dice
quel ch'io sentiva in seno.

Che pensieri soavi,
che speranze, che cori, o Silvia mia!
Quale allor ci apparia
la vita umana e il fato!
Quando sovviemmi di cotanta speme,
un affetto mi preme
acerbo e sconsolato,
e tornami a doler di mia sventura.
O natura, o natura,
perché non rendi poi
quel che prometti allor? perché di tanto
inganni i figli tuoi?

Tu pria che l'erbe inaridisse il verno,
da chiuso morbo combattuta e vinta,
perivi, o tenerella. E non vedevi
il fior degli anni tuoi;
non ti molceva il core
la dolce lode or delle negre chiome,
or degli sguardi innamorati e schivi;
né teco le compagne ai dì festivi
ragionavan d'amore.

Anche peria tra poco
la speranza mia dolce: agli anni miei
anche negaro i fati
la giovanezza. Ahi come,
come passata sei,
cara compagna dell'età mia nova,
mia lacrimata speme!
Questo è quel mondo? questi
i diletti, l'amor, l'opre, gli eventi
onde cotanto ragionammo insieme?
questa la sorte dell'umane genti?
All'apparir del vero
tu, misera, cadesti: e con la mano
la fredda morte ed una tomba ignuda
mostravi di lontano.

- Giacomo Leopardi

L'Infinito

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare.

- Giacomo Leopardi
 
Pianto Antico

L'albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da' bei vermigli fior,
nel muto orto solingo
rinverdì tutto or ora
e giugno lo ristora
di luce e di calor.
tu fior della mia pianta
percossa e inaridita,
tu dell'inutil vita
estremo unico fior,
sei ne la terra fredda,
sei ne la terra negra;
né il sol più ti rallegra
né ti risveglia amor.

- Giosuè Carducci
 
La Tessitrice

Mi son seduto su la panchetta
come una volta... quanti anni fa?
Ella, come una volta, s'è stretta
su la panchetta.

E non il suono d'una parola;
solo un sorriso tutto pietà.
La bianca mano lascia la spola.

Piango, e le dico: Come ho potuto,
dolce mio bene, partir da te?
Piange, e mi dice d'un cenno muto:
Come hai potuto?

Con un sospiro quindi la cassa
tira del muto pettine a sé.
Muta la spola passa e ripassa.

Piango, e le chiedo: Perché non suona
dunque l'arguto pettine più?
Ella mi fissa timida e buona:
Perché non suona?

E piange, e piange - Mio dolce amore,
non t'hanno detto? non lo sai tu?
Io non son viva che nel tuo cuore.

Morta! Si, morta! Se tesso, tesso
per te soltanto; come, non so;
in questa tela, sotto il cipresso,
accanto alfine ti dormirò.

- Giovanni Pascoli

-------------------------------------------------------------

 

 Ei fu. Siccome immobile,
 dato il mortal sospiro,
 stette la spoglia immemore
 orba di tanto spiro,
 così percossa, attonita
 la terra al nunzio sta,
 muta pensando all'ultima
 ora dell'uom fatale;
 né sa quando una simile
 orma di pie' mortale
 la sua cruenta polvere
 a calpestar verrà.
 Lui folgorante in solio
 vide il mio genio e tacque;
 quando, con vece assidua,
 cadde, risorse e giacque,
 di mille voci al sònito
 mista la sua non ha:
 vergin di servo encomio
 e di codardo oltraggio,
 sorge or commosso al sùbito
 sparir di tanto raggio;
 e scioglie all'urna un cantico
 che forse non morrà.
 Dall'Alpi alle Piramidi,
 dal Manzanarre al Reno,
 di quel securo il fulmine
 tenea dietro al baleno;
 scoppiò da Scilla al Tanai,
 dall'uno all'altro mar.
 Fu vera gloria? Ai posteri
 'ardua sentenza: nui
 chiniam la fronte al Massimo
 Fattor, che volle in lui
 del creator suo spirito
 più vasta orma stampar.
 La procellosa e trepida
 gioia d'un gran disegno,
 l'ansia d'un cor che indocile
 serve, pensando al regno;
 e il giunge, e tiene un premio
 ch'era follia sperar;
 tutto ei provò: la gloria
 maggior dopo il periglio,
 la fuga e la vittoria,
 la reggia e il tristo esiglio;
 due volte nella polvere,
 due volte sull'altar.
 Ei si nomò: due secoli,
 l'un contro l'altro armato,
 sommessi a lui si volsero,
 come aspettando il fato;
 ei fe' silenzio, ed arbitro
 s'assise in mezzo a lor.
 E sparve, e i dì nell'ozio
 chiuse in sì breve sponda,
 segno d'immensa invidia
 e di pietà profonda,
 d'inestinguibil odio
 e d'indomato amor.
 Come sul capo al naufrago
 l'onda s'avvolve e pesa,
 l'onda su cui del misero,
 alta pur dianzi e tesa,
 scorrea la vista a scernere
 prode remote invan;
 tal su quell'alma il cumulo
 delle memorie scese.
 Oh quante volte ai posteri
 narrar se stesso imprese,
 e sull'eterne pagine
 cadde la stanca man!
 Oh quante volte, al tacito
 morir d'un giorno inerte,
 chinati i rai fulminei,
 le braccia al sen conserte,
 stette, e dei dì che furono
 l'assalse il sovvenir!
 E ripensò le mobili
 tende, e i percossi valli,
 e il lampo de' manipoli,
 e l'onda dei cavalli,
 e il concitato imperio
 e il celere ubbidir.
 Ahi! forse a tanto strazio
 cadde lo spirto anelo,
 e disperò; ma valida
 venne una man dal cielo,
 e in più spirabil aere
 pietosa il trasportò;
 e l'avvïò, pei floridi
 sentier della speranza,
 ai campi eterni, al premio
 che i desideri avanza,
 dov'è silenzio e tenebre
l a gloria che passò.
 Bella Immortal! benefica
 Fede ai trïonfi avvezza!
 Scrivi ancor questo, allegrati;
 ché più superba altezza
 al disonor del Gòlgota
 giammai non si chinò.
 Tu dalle stanche ceneri
 sperdi ogni ria parola:
 il Dio che atterra e suscita,
 che affanna e che consola,
 sulla deserta coltrice
 accanto a lui posò.

NAPOLEONE BONAPARTE
 

 
 

BAR GURNARI.COM

 

 ti offre altri cinque minuti di lettura " d'evasione " e "riflessione ".

Abbiamo scelto di rendere omaggio a due  persone che sono ,

o sono state,

il pilastro e l'ancora della vita di ognuno di noi,

quelle persone che un giorno,

forse ,saremo noi

se non lo siamo invece già!!!!

 

 

DAL LIBRO "CUORE" DI DE AMICIS

Mia madre
10, giovedì

 

In presenza della maestra di tuo fratello tu mancasti di rispetto a tua madre! Che questo non avvenga mai più, Enrico, mai più! La tua parola irriverente m'è entrata nel cuore come una punta d'acciaio. Io pensai a tua madre quando, anni sono, stette chinata tutta una notte sul tuo piccolo letto, a misurare il tuo respiro, piangendo sangue dall'angoscia e battendo i denti dal terrore, ché credeva di perderti, ed io temevo che smarrisse la ragione; e a quel pensiero provai un senso di ribrezzo per te. Tu, offender tua madre! tua madre che darebbe un anno di felicità per risparmiarti un'ora di dolore, che mendicherebbe per te, che si farebbe uccidere per salvarti la vita! Senti, Enrico. Fissati bene in mente questo pensiero. Immagina pure che ti siano destinati nella vita molti giorni terribili; il più terribile di tutti sarà il giorno in cui perderai tua madre. Mille volte, Enrico, quando già sarai uomo, forte, provato a tutte le lotte, tu la invocherai, oppresso da un desiderio immenso di risentire un momento la sua voce e di rivedere le sue braccia aperte per gettarviti singhiozzando, come un povero fanciullo senza protezione e senza conforto. Come ti ricorderai allora d'ogni amarezza che le avrai cagionato, e con che rimorsi le sconterai tutte, infelice! Non sperar serenità nella tua vita, se avrai contristato tua madre. Tu sarai pentito, le domanderai perdono, venererai la sua memoria; - inutilmente, - la coscienza non ti darà pace, quella immagine dolce e buona avrà sempre per te un'espressione di tristezza e di rimprovero che ti metterà l'anima alla tortura. O Enrico, bada: questo è il più sacro degli affetti umani, disgraziato chi lo calpesta. L'assassino che rispetta sua madre ha ancora qualcosa di onesto e di gentile nel cuore, il più glorioso degli uomini, che l'addolori e l'offenda, non è che una vile creatura. Che non t'esca mai più dalla bocca una dura parola per colei che ti diede la vita. E se una ancora te ne sfuggisse, non sia il timore di tuo padre, sia l'impulso dell'anima che ti getti ai suoi piedi, a supplicarla che col bacio del perdono ti cancelli dalla fronte il marchio dell'ingratitudine. Io t'amo, figliuol mio, tu sei la speranza più cara della mia vita; ma vorrei piuttosto vederti morto che ingrato a tua madre. Va', e per un po' di tempo non portarmi più la tua carezza; non te la potrei ricambiare col cuore.    

TUO PADRE

 

Mio padre
Sabato, 17

Non certo il tuo compagno Coretti, né Garrone, risponderebbero mai al loro padre come tu hai risposto al tuo questa sera. Enrico! Come è possibile? Tu mi devi giurare che questo non accadrà mai più, fin ch'io viva. Ogni volta che a un rimprovero di tuo padre ti correrà una cattiva risposta alle labbra, pensa a quel giorno, che verrà immancabilmente, quando egli ti chiamerà al suo letto per dirti - Enrico, io ti lascio. - O figliuol mio, quando sentirai la sua voce per l'ultima volta, e anche molto tempo dopo, quando piangerai solo nella sua stanza abbandonata, in mezzo a quei libri ch'egli non aprirà mai più, allora, ricordandoti d'avergli mancato qualche volta di rispetto, ti domanderai tu pure: - Com'è possibile? - Allora capirai che egli è sempre stato il tuo migliore amico, che quando era costretto a punirti, ne soffriva più di te, e che non t'ha mai fatto piangere che per farti del bene; e allora ti pentirai, e bacierai piangendo quel tavolino su cui ha tanto lavorato, su cui s'è logorata la vita per i suoi figliuoli. Ora non capisci: egli ti nasconde tutto di sé fuorché la sua bontà e il suo amore. Tu non lo sai che qualche volta egli è così affranto dalla fatica che crede di non aver più che pochi giorni da vivere, e che in quei momenti non parla che di te, non ha altro affanno in cuore che quello di lasciarti povero e senza protezione! E quante volte, pensando a questo, entra nella tua camera mentre dormi; e sta là col lume in mano a guardarti, e poi fa uno sforzo, e stanco e triste com'è, torna al lavoro! E neppure sai che spesso egli ti cerca e sta con te, perché ha un'amarezza nel cuore, dei dispiaceri che a tutti gli uomini toccano nel mondo, e cerca te come un amico, per confortarsi e dimenticare, e ha bisogno di rifugiarsi nel tuo affetto, per ritrovare la serenità e il coraggio. Pensa dunque che dolore dev'esser per lui quando invece di trovar affetto in te, trova freddezza e irriverenza! Non macchiarti mai più di questa orribile ingratitudine! Pensa che se anche fossi buono come un santo, non potresti mai compensarlo abbastanza di quello che ha fatto e fa continuamente per te. E pensa anche: sulla vita non si può contare: una disgrazia ti potrebbe toglier tuo padre mentre sei ancora ragazzo, fra due anni, fra tre mesi; domani. Ah! povero Enrico mio, come vedresti cambiar tutto intorno a te, allora, come ti parrebbe vuota, desolata la casa, con la tua povera madre vestita di nero! Va', figliuolo; va' da tuo padre: egli è nella sua stanza che lavora: va' in punta di piedi, che non ti senta entrare, va' a metter la fronte sulle sue ginocchia e a dirgli che ti perdoni e ti benedica.

TUA MADRE

  

Il ragazzo calabrese
22, sabato

Ieri sera, mentre il maestro ci dava notizie del povero Robetti, che dovrà camminare con le stampelle, entrò il Direttore con un nuovo iscritto, un ragazzo di viso molto bruno, coi capelli neri, con gli occhi grandi e neri, con le sopracciglia folte e raggiunte sulla fronte, tutto vestito di scuro, con una cintura di marocchino nero intorno alla vita. Il Direttore, dopo aver parlato nell'orecchio al maestro, se ne uscì, lasciandogli accanto il ragazzo, che guardava noi con quegli occhioni neri, come spaurito. Allora il maestro gli prese una mano, e disse alla classe: - Voi dovete essere contenti. Oggi entra nella scuola un piccolo italiano nato a Reggio di Calabria, a più di cinquecento miglia di qua. Vogliate bene al vostro fratello venuto di lontano. Egli è nato in una terra gloriosa, che diede all'Italia degli uomini illustri, e le dà dei forti lavoratori e dei bravi soldati; in una delle più belle terre della nostra patria, dove son grandi foreste e grandi montagne, abitate da un popolo pieno d'ingegno, di coraggio. Vogliategli bene, in maniera che non s'accorga di esser lontano dalla città dove è nato; fategli vedere che un ragazzo italiano, in qualunque scuola italiana metta il piede, ci trova dei fratelli. Detto questo s'alzò e segnò sulla carta murale d'Italia il punto dov'è Reggio di Calabria. Poi chiamò forte: - Ernesto Derossi! - quello che ha sempre il primo premio. Derossi s'alzò. - Vieni qua, - disse il maestro. Derossi uscì dal banco e s'andò a mettere accanto al tavolino, in faccia al calabrese. - Come primo della scuola, - gli disse il maestro, - dà l'abbraccio del benvenuto, in nome di tutta la classe, al nuovo compagno; l'abbraccio dei figliuoli del Piemonte al figliuolo della Calabria. - Derossi abbracciò il calabrese, dicendo con la sua voce chiara: - Benvenuto! - e questi baciò lui sulle due guancie, con impeto. Tutti batterono le mani. - Silenzio! - gridò il maestro, - non si batton le mani in iscuola! - Ma si vedeva che era contento. Anche il calabrese era contento. Il maestro gli assegnò il posto e lo accompagnò al banco. Poi disse ancora: - Ricordatevi bene di quello che vi dico. Perché questo fatto potesse accadere, che un ragazzo calabrese fosse come in casa sua a Torino e che un ragazzo di Torino fosse come a casa propria a Reggio di Calabria, il nostro paese lottò per cinquant'anni e trentamila italiani morirono. Voi dovete rispettarvi, amarvi tutti fra voi; ma chi di voi offendesse questo compagno perché non è nato nella nostra provincia, si renderebbe indegno di alzare mai più gli occhi da terra quando passa una bandiera tricolore. - Appena il calabrese fu seduto al posto, i suoi vicini gli regalarono delle penne e una stampa, e un altro ragazzo, dall'ultimo banco, gli mandò un francobollo di Svezia.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

BARZELLETTANDO

Differenza tra amante, fidanzata e moglie:
dopo l'orgasmo la prima ti dice "Sei grande", la seconda "Ti amo" la terza...    "Beige...Il soffitto lo farei beige"

 

Il ginecologo ad una prostituta:
- "Lei ha molte perdite durante il ciclo?"
- "Beh, più di 2 milioni!"

----------------------------------------------------

 Al ristorante:
Signorina, gradisce un po' di vino?
No grazie, mi crea problemi alle gambe...
Gliele fa gonfiare?
No, me le fa aprire!!! 

-------------------------------------------

La topina chiede all'uccellino: "Mi aiuti ad
attraversare il fiume?"
L'uccellino dice: "No!"
Morale:
Se l'uccellino tiene duro la topina si bagna.

----------------------------------------------

Regala ad un amico una confezione di preservativi
delle FF.SS.:
lo farai venire con 50 minuti di ritardo!!!

---------------------------------------------

"Antonio, verresti ad un'orgia?".
"Certo, e in quanti siamo?".
"Beh, se viene anche tua moglie, in tre!".

-------------------------------------

Un nano su un tram si sente pestare un piede:

"Ei brunetta! Stai attenta"
"Ma io sono bionda!"
Lui: "Da qui non si direbbe..."

-------------------------------------------------

Marito e moglie a letto:


Lei: amore sii vengoo..
Lui: tesoro vengo vengoo..
Il bimbo dalla cameretta: vengo anche io!!
Il nonno: ahò ma'ndo cazzo annate tutti a quest'ora?

 

----------------------------------------

Il papà al figlio: Dimmi Marco ,hai già dato un
bacino alla tua fidanzatina?
Si papà!
É lei cosa ti ha detto?
Non la sentivo, mi tappava le orecchie con le
coscie...

--------------------------------------------

Il topolino dice alla rana: che occhi grandi che
hai!! cosa hai fumato?
e la rana: ...crack!!!!!

---------------------------------------------

La vita è meravigliosa: senza saresti morto.

---------------------------------------------

Se tu in questo momento ingerissi un moscerino,
avresti più cervello nello stomaco che in testa!

--------------------------------------------

Le donne servono almeno a 10 cose:
una la so, le altre 9 non me le ricordo.

----------------------------------------

Se la tua ragazza è una nana non approfittarne
quando sbadiglia.

--------------------------------------

La medicina tende a curare più l'impotenza che
l'Alzheimer.
Tra qualche anno tutti avranno il cazzo duro senza
ricordarsi a che cosa serve.

----------------------------------------

Il millepiedi maschio alla femmina
- Dai, non fare la stronza, dimmi fra quali gambe
ce l'hai!

----------------------------------

Perché gli uomini scoreggiano più spesso delle
donne? Perché le donne non tengono la bocca chiusa

abbastanza a lungo da raggiungere la pressione
necessaria!

------------------------------------

Il bambino alla mamma:"Mamma perché la maestra
chiama Roberto Robertino,
Paolo Paolino, Luca Luchino e a me no?".
La mamma tentennante:"Lo capirai da
grande...........Pompeo".


------------------------------------


Un anziano muore facendo sesso.
Sulla lapide fu scritto :"Se n'è andato com'è....
venuto"

----------------------------

 

 

 

 

 

 

Fonti energetiche e operazioni militari
La corsa all'oro nero
Le valenze geopolitiche e gli aspetti scientifici del petrolio

 

Petrolio e geopolitica

Un film già visto?
Quando nel 1991 gli Usa intervennero contro Saddam Hussein era chiaro a tutti che in gioco c'erano i pozzi petroliferi del Kuwait e quelli dell'Arabia Saudita. Dopo l'11 settembre si torna a parlare del petrolio come fattore determinante delle azioni di Osama Bin Laden da una parte e dei governi occidentali dall'altra. Proviamo a vedere perché.

Osama e il petrolio
Non dimentichiamolo: lo sceicco del terrore è nato e cresciuto in Arabia Saudita, primo produttore di petrolio al mondo. Ed è un suo obiettivo dichiarato prendere il controllo del governo di Riyad. Osama sostiene di combattere in nome di Allah, ma una sua affermazione del 23 agosto 1996 non lascia dubbi sulle sue reali intenzioni: "I musulmani dovrebbero evitare le guerre interne per evitare la distruzione del petrolio. Ci affidiamo ai fratelli affinché escludano dalla battaglia la ricchezza del Paese islamico che dovrà sorgere".

L'Afghanistan e il petrolio
L'Afghanistan non ha giacimenti petroliferi. Ma è il Paese chiave della lotta in corso da anni per il controllo delle risorse energetiche dell'Area del Caspio. La terra dei Talebani è perciò un corridoio preziosissimo. Forse non è un caso che in questa momento si stia combattendo sul suo territorio una guerra "strana". in cui quasi tutti i Paesi occidentali si sono lanciati all'indomani degli attentati di New York e Washington.

Il tesoro del Caspio
Nel sottosuolo di Uzbekistan, Turkmenistan, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan c'è il 30 per cento del fabbisogno mondiale di petrolio e gas. Per le compagnie petrolifere è al momento la più grande frontiera esplorativa dopo il Mare del Nord. Un tesoro immenso con un solo difetto: la distanza dai mercati. Secondo gli esperti, l'impatto del petrolio del Caspio sul mercato internazionale si farà sentire tra circa cinque anni. Chi controllerà l'estrazione e il trasporto degli idrocarburi dell'Asia post sovietica, disporrà di un potere enorme.

Una partita apertissima
Sono tre i Paesi che si contendono il tesoro del Caspio: Usa, Russia e Iran. Mosca vorrebbe che il petrolio del Caspio passasse attraverso gli oleodotti che dalla Russia arrivano fino al Mar Nero. Teheran si offre come terra di passaggio di nuovi oleodotti. Gli Usa vogliono costruire una nuova pipeline per "bypassare" l'Iran, suo nemico storico. Fino tre mesi fa gli Usa giocavano questa partita a distanza. Adesso, non dimentichiamolo, hanno proprie truppe in Uzbekistan e Tagikistan. Oltre che in Afghanistan.

I Talebani e il petrolio
La storia dei seguaci del Mullah Mohammad Omar è strettamente legata alle "vicende petrolifere" della regione. Nei primissimi anni Novanta la compagnia petrolifera americana Unocal progetta un oleodotto e un gasdotto per trasportare il petrolio e il metano delle Repubbliche ex sovietiche del Caspio in Pakistan e da qui verso l'Estremo Oriente (Giappone, soprattutto), considerato il mercato del futuro. Il progetto prevede la partecipazione della compagnia saudita Delta. Ma l'Afghanistan è in piena guerra civile. Gli uomini di Gulbuddin Hekmatyar combattono senza sosta contro quelli di Rabbani e Massud. La Cia e l'Isi (i servizi segreti pakistani) puntano nel 1994 sui Talebani. E' un gruppo appena sorto e quindi (si pensa) più facilmente controllabile. Grazie ai soldi di Cia e Isi gli "studenti del corano" comprano tutte le altre fazioni e in due anni entrano a Kabul.

Talebani in Usa
I dirigenti Talebani dopo la presa del potere vengono accolti con favore negli Usa e loro rappresentanti volano in Texas dove incontrano i dirigenti dell’Unocal che fanno loro un’offerta precisa riguardo all’oleodotto: una fetta dei profitti pari al 15%. Però a Kabul dovrebbe essere formato un governo di coalizione che assicuri una pace duratura e accontenti l'opinione pubblica internazionale. A reggere le fila dei contatti è Laila Helms, nipote dell’ex direttore della Cia ed ex ambasciatore Usa in Iran Richard Helms. Nel marzo 2001 arriva negli Usa Sayed Rahmatullah Hascimi, consigliere personale del Mullah Omar.

Ultimo incontro a Islamabad
L’ultimo incontro tra emissari Usa e Talebani avviene il 2 agosto 2001, 39 giorni prima degli attentati di New York e Washington. Cristina Rocca, direttrice degli affari asiatici del Dipartimento di Stato vede a Islamabad l’ambasciatore Talebano in Pakistan. Kabul respinge definitivamente la proposta americana. Il resto è storia recente...

Le altre partite del petrolio
La Russia si oppone con fermezza all'autonomia della Cecenia anche perché la regione è fondamentale per il passaggio degli oleodotti del Caspio. Impossibile scavalcare il Caucaso, perché la Turchia (alleato di ferro degli Usa) ha già detto no al passaggio di nuove petroliere nel Mar Nero.

Iraq: che succede?
E' tra i principali produttori mondiali ed ha il costro di produzione più basso del mondo: due dollari a barile, contro i tre della Penisola arabica e i dieci del Mare del Nord. Grazie al programma Oil for food resiste all'embargo anit Saddam. La Russia è contro nuove sanzioni a Baghdad e le compagnie petrolifere russe aspettano fiduciose la fine delle sanzioni.

E l'Italia?
L'Italia ha stretto ottime relazioni economiche con Teheran. Eni, Tecnimont e Ansaldo sono impegnate direttamente in territorio iraniano. L'Iran mette la materia prima, le aziende italiane competenze e tecnologie. Tutto in barba all'embargo imposto dagli Usa. L'ultimo accordo dell'Eni risale al luglio 2001: 2300 miliardi per lo sfruttamento del giacimento di Darquain.

I grandi produttori di petrolio
L'Arabia Saudita produce da sola il 12,6 per cento del totale mondiale. Subito dopo ci sono Usa, Russia e Iran.

I grandi consumatori di petrolio
Usa al primo posto con oltre mille milioni di tonnellate l'anno. Subito dopo ci sono Giappone e Cina. L'Italia è al settimo posto.

Chi esporta petrolio
Tutti i Paesi della penisola arabica e del Medio Oriente, i Paesi dell'Asia centrale posto sovietica, Russia. Indonesia, Vietnam, i Paesi del Nord Africa (escluso il Marocco), Sudan, Angola, Nigeria, Repubblica del Congo, Gabon, Guinea Equatoriale, Camerun, Gran Bretagna, Norvegia, Canada, Messico, Venezuela, Colombia e Argentina.

Chi lo importa
Tutti gli altri, ad eccezione di Bolivia e Tunisia, unici due Paesi autosufficienti e non esportatori.

Gli Usa e il petrolio
Gli Usa producono ogni giorno otto milioni di barili di petrolio, ma ne consumano venti. Senza le forniture dall'estro gli Usa esaurirebbero i propri giacimenti in otto anni.

Una classe dirigente di petrolieri
Il presidente Usa George W. Bush è un petroliere. Il suo vice Dick Cheney è stato amministratore della Halliburton, società petrolifera. La consigliera per la sicurezza Condoleeza Rice è azionista della Chevron. Il ministro dell'Interno Gale Norton è stato avvocato della Delta Petroleum. il ministro del Commercio Donald Evans è stato amministratore di una società petrolifera.

Importanza del petrolio
La civiltà industriale dipende in larga misura dai derivati del petrolio. Solo negli anni Settanta (con la crisi derivante dai conflitti in Medio Oriente) la riduzione delle forniture petrolifere (e il conseguente rialzo dei prezzi) costringe i paesi industrializzati a cercare prodotti alternativi al petrolio, sia nel settore della produzione di energia, sia in quello industriale.

Il prezzo attuale del petrolio
Poco più di 10 dollari al barile. Nonostante la relativa abbondanza di petrolio, i governi di tutto il mondo cercano di reperire fonti alternative di energia anche per fronteggiare il problema dell'inquinamento atmosferico.

L'aspetto scientifico

Cos'è il petrolio
Si distinguono tre classi principali di petroli, a seconda del tipo di idrocarburo prevalente: i petroli a base paraffinica, costituiti prevalentemente da paraffine (idrocarburi a catena aperta saturi, detti anche alcani); quelli a base naftenica, costituiti prevalentemente da nafteni (idrocarburi a catena chiusa saturi, detti anche cicloalcani); e quelli a base mista, nei quali le percentuali dei due tipi precedenti di idrocarburi sono pressoché uguali. Molto più rari e pregiati sono i petroli della "quarta classe", detti a base aromatica perché costituiti prevalentemente da idrocarburi aromatici (formati da uno o più anelli benzenici, detti anche areni).

Come si forma il petrolio
Si forma sotto la superficie terrestre per decomposizione di organismi marini e di piante che crescono sui fondali oceanici. La formazione del petrolio è un fenomeno iniziato molti milioni di anni fa, quando esisteva un'abbondante fauna marina, e che continua ancora oggi. I sedimenti depositati sul fondo degli oceani, accrescendo il loro spessore e dunque il loro peso, sprofondano nel fondale marino; a mano a mano che altri sedimenti si accumulano, la pressione su quelli sottostanti aumenta considerevolmente e la temperatura si alza di diverse centinaia di gradi. Il fango e la sabbia si induriscono trasformandosi in argillite e arenaria, il carbonio precipita, le conchiglie si induriscono trasformandosi in calcare, mentre i resti degli organismi morti si trasformano in sostanze più semplici composte da carbonio e idrogeno, gli idrocarburi appunto, per dare origine al petrolio greggio e al gas naturale. Il petrolio ha densità minore dell'acqua salmastra che riempie gli interstizi dell'argillite, della sabbia e delle rocce di carbonati che costituiscono la crosta terrestre: tende dunque a risalire verso la superficie, passando dai microscopici pori dei più grossi sedimenti sovrastanti. E' così che sbocca spontaneamente dalla superficie terrestre.

La raffinazione
Una volta estratto, il petrolio viene trattato con sostanze chimiche e calore, per eliminare l'acqua e le particelle solide in esso contenute, e per separare il gas naturale residuo. Viene poi immagazzinato in serbatoi di smistamento, da dove viene trasportato alle raffinerie mediante tubazioni continue (oleodotti), o con navi opportunamente attrezzate (navi cisterna, o petroliere), o con speciali autoveicoli (autocisterne) e carri ferroviari (carri cisterna).

Prodotti ricavati
Questa la media dei ricavati dal petrolio: 50 per cento benzina, 7 per cento cherosene, 21 per cento gasolio e oli combustibili, poco meno del 10 per cento oli lubrificanti e circa il 12 per cento residui pesanti.

Previsioni
Lo sfruttamento di nuovi giacimenti e l'incremento della percentuale di petrolio estratto dalle riserve già note, che verrà reso possibile dal miglioramento delle tecnologie, fanno ritenere che il petrolio estratto sarà sufficiente a soddisfare i fabbisogni energetici dell'umanità fino ai primi decenni del XXI secolo. Gli esperti sono però scettici riguardo al fatto che l'entità dei nuovi giacimenti, o l'invenzione di tecnologie particolarmente innovative per il loro sfruttamento, possano consentire di superare di molto questa data.


La storia

I primi impieghi
I giacimenti superficiali sono ignorati dagli esseri umani per migliaia di anni. Nel Rinascimento si inizia a distillare il petrolio greggio dei giacimenti superficiali per ottenere lubrificanti e prodotti medicinali, ma il vero e proprio sfruttamento del petrolio ha inizio solo nel XIX secolo. La rivoluzione industriale stimola la ricerca di nuovi combustibili, in particolare di olii per lampade di buona qualità ed economici, che si rendevano necessari a causa delle crescenti richieste, da parte della popolazione, di fonti di illuminazione per lavorare e leggere anche dopo il tramonto.

Lampade a petrolio
Nel 1852 il fisico e geologo canadese Abraham Gessner brevetta un procedimento per ricavare dal petrolio greggio un combustibile per lampade di costo limitato, che venne chiamato petrolio illuminante, o cherosene. Tre anni dopo il chimico statunitense Benjamin Silliman pubblica uno studio in cui elencava la vasta gamma di prodotti utili che potevano essere ricavati dalla distillazione del petrolio.

Primi pozzi
I primi pozzi petroliferi veri e propri sono trivellati in Germania nel 1857. Fa storia la trivellazione di un pozzo nei pressi di Oil Creek, in Pennsylvania, a opera del colonnello Edwin L. Drake nel 1859. Il successo di Drake segnò l'inizio della moderna industria petrolifera. Con l'invenzione del motore a combustione interna e con il crescente fabbisogno energetico causato dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, l'industria petrolifera diventa essenziale per la società industriale.

Antonello Sacchetti

<